Il museo dell’ortodonzia a Expodental Meeting 2020

Ad attendere i visitatori di Expodental Meeting 2020, appena dopo i tornelli, la prima grande sorpresa. La manifestazione ospita infatti il museo dell’ortodonzia.

La disciplina dell’ortodonzia si sviluppa in Italia, sia da un punto di vista scientifico/tecnologico che economico per tutto il corso del XX secolo, e diventa un’importante realtà a livello nazionale ed internazionale.

Munaorto, il Museo Nazionale dell’Ortodonzia e della Tecnica Ortodontica, è frutto del lavoro della Associazione di Promozione Sociale, riconosciuta dalla Pubblica Amministrazione, finalizzata alla “custodia della memoria della professione ortodontica”, nata a Bologna il 7 novembre 2016.

Scopo della associazione, e quindi del Museo, è recuperare il materiale di interesse storico, culturale e museale, conservarlo e valorizzarlo.

L’obiettivo del Museo è duplice. Da un lato si vuole riportare alla luce una realtà passata che ha contribuito a caratterizzare l’identità dell’ortodonzia e della sua gente, dall’altro, si vogliono far conoscere le peculiarità di questa memoria storica che ritroviamo ancora oggi in molti aspetti della professione.

Il Museo tenta dunque di ricostruire le vicende della disciplina scientifica dell’ortodonzia, per segnare i progressi compiuti, per legittimare con il richiamo alla tradizione il lavoro di un singolo personaggio, o viceversa per sottolineare la portata innovativa di nuove teorie e pratiche scientifiche.

L’interesse di UNIDI per l’ortodonzia è testimoniato anche dall’impegno della Presidente, Signora Gianna Pamich, nominata ambasciatrice dell’ortodonzia italiana alla fine del 2019, in occasione del VI Forum della professione promosso da S.U.S.O. a Bologna che, a tre anni dalla prima pubblicazione, ha presentato il libro The Citadel, la versione inglese di La Cittadella, la storia dell’ortodonzia italiana.